Silenzio Eloquente

Un progetto di Niccolò Bianchi e Giuditta Fullone
a cura di Vincenzo Argentieri
dal 23 gennaio al 22 febbraio 2020
Inaugurazione mercoledì 22 gennaio, ore 18:30
Atelier della fotografia, Stazione di Porta Venezia del Passante FS, Milano

Mercoledì 22 gennaio 2020 presso l’Atelier della Fotografia si inaugura l’esposizione del progetto di Niccolò Bianchi e Giuditta Fullone, Silenzio eloquente, a cura di Vincenzo Argentieri. La mostra è visibile all’interno del Passante Ferroviario della stazione metropolitana di Porta Venezia fino al 22 febbraio 2020.

Il progetto nasce nel 2014 quando Niccolò Bianchi decide di fotografare giovani donne alle quali poneva tre domande: che interessi hai? Che tipo di persona credi di essere? Come ti vedono gli altri? Contemporaneamente chiedeva loro di coprirsi la bocca con un oggetto o un’azione da esse selezionato per antitesi o similitudine a una storia che volevano raccontare. Le fotografie analogiche in bianco e nero mostrano dei pensieri irrisolti nelle donne spoglie dalle sovrastrutture sociali. Dopo poco tempo Giuditta Fullone decide di prendere gli stessi ritratti e creare un’illustrazione simile nel forma e nel contenuto. L’unica differenza risiede nell’uso del colore, poiché al bianco e al nero aggiunge il rosso scarlatto e il giallo oro, che fanno esplodere il contenuto della fotografia in un universo immaginifico.

Ogni dittico è formato da una fotografia e dalla rispettiva illustrazione, e ve ne sono esposti trentatré di formato quadrato cm 32×32. Silenzio eloquente è il titolo della mostra che intende mettere in luce l’ossimoro dei due ritratti, uguali nel soggetto, ma diversi nella sua rappresentazione. Il lavoro è basato sullo spostamento del linguaggio, da un pensiero dell’individuo all’illusione della cosa. 

 

 

Niccolò Bianchi (Milano 1989) laureato in biotecnologie mediche all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, ha un Master in Bio-business and Medical Sciences conseguito all’Univesità di Aberdeen e attualmente lavora nell’ambito del controllo di gestione finanziaria. Ha sempre avuto la passione per la fotografia, per i viaggi e per i reportage, ha iniziato a fotografare su commissioni durante eventi nei locali di Milano. Nel 2013 decide di fotografare completamente in analogico e nel 2014 sviluppa e stampa personalmente le proprie fotografie in bianco e nero.

Giuditta Fullone (Milano 1993) laureata al triennio di Lettere Moderne all’Università degli Studi di Milano, specializzata in Cinema e Media all’Università di Torino e diplomata in Sceneggiatura presso la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti. Ha esperienza in illustrazione, fotografia, allestimento mostre e videomaking/set cinematografici, organizzazione e produzione di film, mostre ed eventi; coniuga inoltre la sua indole artistica con l’amore per il cinema disegnando storyboard. Dal 2016 realizza disegni grafici originali per insegne e magliette e nel 2018 ha illustrato l’autobiografia di Franko B Because of Love: Franko B’s story, Edizioni Live art Development Agency, Londra. Dal 2017 collabora con la compagnia teatrale iBirbanti, per la quale ha diretto e prodotto i teaser trailer dei due ultimi spettacoli Diva’s e La dolce confusione, e i video originali della scenografia di Macbeth che hanno debuttato al Teatro Filodrammatici di Milano.

 

www.silenzioeloquente.com
dal 23.01.2020 al 22.02.2020
Atelier della Fotografia
Stazione di Porta Venezia del Passante FS, Milano