Frank Stella: muore a 87 anni l’artista del minimalismo americano

Frank Stella, artista americano, è morto a New York a 87 anni. Era un pittore modernista nonché figura dominante nell’arte americana del dopoguerra

La Marianne Boesky Gallery è triste di annunciare che Frank Stella è morto il 4 maggio 2024 all’età di 87 anni. Un gigante dell’arte astratta del dopoguerra, la straordinaria opera di Stella in perenne evoluzione ha indagato le possibilità formali e narrative della geometria e del colore e i confini tra pittura e oggettività”, ha dichiarato la galleria tramite i suoi canali social che rappresentava a New York l’artista nato nel 1936 a Malden negli Stati Uniti da genitori italiani.

Frank Stella viveva nel quartiere di Greenwich Village e a New York e, fino a poco prima dalla sua dipartita, lavorava in uno studio nella valle dell’Hudson vicino a Newburgh.

L’artista Frank Stella e la fama precoce

Aveva appena 20 anni Frank Stella quando raggiunse la fama appena uscito dalla Princeton University (dove studiò storia e pittura sotto la tutela di Stephen Greene e William Seitz) con i suoi noti Black Paintings che rispondevano all’ascesa in America dell’espressionismo astratto alla fine degli anni ’50, che vedeva, tra gli altri, in Willem de Kooning e Jackson Pollock i maggiori rappresentanti.

In quegli anni anche altri artisti come Kenneth Noland, Robert Motherwell, Robert Ryman, Agnes Martin e Barnett Newman realizzavano dipinti a strisce monocromatiche ma solo Stella grazie alla mostra collettiva (in cui era il più giovane) Sixteen Americans del 1959 al MoMA – che acquistò The Marriage of Reason and Squalor, II, uno dei Black Paintings – venne consacrato come il pioniere dell’arte minimalista.

Due opere di Frank Stella
Due opere di Frank Stella – Wikimedia Commons Pubblico Dominio – Artepassante.it

 

Egli stesso paragonava i suoi dipinti alle opere teatrali di Samuel Beckett, dove dichiarava (in un’intervista del 1972) ci sono “situazioni molto semplici in cui non succede molto”.

Nato a Malden negli Stati Uniti nel 1936 da genitori italiani, l’artista ha studiato pittura presso la Philips Academy di Andover e si è laureato in storia all’Università di Princeton. Stella è stato un gigante dell’arte astratta, la cui straordinaria opera in perenne evoluzione ha esplorato le possibilità formali e narrative della geometria e del colore, sfidando i confini tra pittura e oggettività.

Come anticipato precedentemente, la sua fama arrivò prestissimo: già a 20 anni con i suoi celebri Black Paintings, una risposta all’ascesa dell’espressionismo astratto in America alla fine degli anni ’50.

Lanciato a New York dalla galleria di Leo Castelli, la sua partecipazione alla mostra collettiva “Sixteen Americans” del 1959 al MoMA lo consacrò come pioniere dell’arte minimalista, grazie all’acquisizione da parte del museo di una delle sue opere.

A partire dal 1960, Stella iniziò a creare tele sagomate, tagliando gli angoli delle sue opere e dipingendo su forme geometriche complesse come trapezi, pentagoni ed esagoni.

Sono lavori che esaltano la fisicità dell’oggetto dipinto, costringendo lo spettatore a sottrarsi alla seduzione della pittura concentrandosi invece sulla sua datività fisica e materiale.

Nel corso degli anni, le sue opere divennero sempre più tridimensionali, incorporando elementi di collage e portandolo alla realizzazione di vere e proprie sculture.

Stella non era incline a fornire spiegazioni o interpretazioni delle sue opere. La sua risposta criptica ai critici – “ciò che vedi è ciò che vedi” – è diventata quasi un manifesto del movimento minimalista, di cui Stella è stato uno dei principali esponenti.

Tra il 1986 e il 1997, l’artista produsse una serie di oltre 100 opere d’arte ispirate al romanzo “Moby Dick” di Herman Melville, trasformando la sua concezione dell’astrazione e dimostrando che le forme geometriche possono raccontare una storia.

Negli ultimi anni, Stella ha continuato a sperimentare con nuove forme espressive, esplorando la scultura, la stampa 3D e l’uso di materiali innovativi come la fibra di vetro e la fibra di carbonio nelle sue opere tridimensionali.

Le opere di Stella si trovano in numerose collezioni private e pubbliche in tutto il mondo, tra cui il MoMa di New York, il Kunstmuseum Basel, l’Art Institute of Chicago e la Tate Gallery di Londra. Ha ricevuto riconoscimenti internazionali, tra cui la Medaglia Nazionale delle Arti, e ha avuto retrospettive importanti in tutto il mondo.

L’eredità di Frank Stella vivrà attraverso le sue opere, che continueranno a ispirare e ad incantare generazioni future di artisti e appassionati d’arte. La sua visione audace e la sua creatività senza limiti resteranno un tributo duraturo al suo genio artistico.

Impostazioni privacy