Jamini Roy, il pittore indiano dallo stile inconfondibile

In questo articolo vedremo tutte le caratteristiche, lo stile e le opere più importanti di uno dei pionieri dell’arte indiana moderna: Jamini Roy

Jamini Roy, uno dei più celebri artisti indiani, è noto per aver creato un’estetica indiana unica nell’arte moderna, combinando elementi dell’arte popolare tradizionale del Bengala e dei Kalighat Pattachitra, reinterpretandoli con linee pulite e colori terrosi. Inoltre, con i suoi tratti innovativi, è diventato uno dei pionieri dell’arte moderna indiana. Ma vediamo tutto quello che c’è da sapere su questo artista così importante e particolare.

Vita, stile e opere di Jamini Roy

Jamini Roy nacque l’11 aprile 1887 nel villaggio di Beliatore, nel Bengala occidentale, in una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Crescendo in un ambiente dove non c’erano rigide divisioni di classe o caste, fu affascinato fin da giovane dai patua e dal loro mestiere, trascorrendo molte giornate a osservarli lavorare. Il padre, notando il suo interesse per le arti e i mestieri locali, lo mandò alla Government School of Art di Calcutta (Calcutta).

Dopo tre anni alla scuola d’arte, Roy dovette affrontare gravi difficoltà finanziarie, svolgendo lavori occasionali come dipingere scene teatrali per compagnie teatrali. Completò la sua formazione artistica formale nel 1916 e durante questo periodo sposò Amiyasundari Devi, con cui ebbe sei figli.

Vita e stile di Jamini Roy
Vita e stile di Jamini Roy | Immagine di dominio pubblico – Artepassante

Nonostante le difficoltà finanziarie, Roy iniziò a ottenere riconoscimento come pittore accademico e ritrattista. Tuttavia, alla ricerca di uno stile più espressivo, sperimentò la scuola del Bengala, creando dipinti con figurazioni delicate e uno stile nebbioso. Sebbene questo nuovo approccio ottenesse consensi, Roy alla fine decise che non era adatto a lui.

Lo stile

Nella sua ricerca artistica, Jamini Roy prese una decisione audace: abbandonare l’uso dei medium oleosi e rinunciare alle commissioni di ritratti. Nonostante ciò comportasse difficoltà finanziarie per la sua famiglia, non si lasciò scoraggiare e intraprese un percorso che lo portò a sfidare gli stili esistenti e a sperimentare una trasformazione radicale nella sua figurazione.

Roy iniziò a cercare la purezza delle forme, utilizzando una tavolozza ricca di colori brillanti e saturi, in netto contrasto con le convenzioni del realismo accademico. Respinse l’approccio naturalista e cercò di esprimere sempre di più una voce autentica e indigena. Le tradizioni artistiche e artigianali del Bengala, in particolare i dipinti di Kalighat e la calligrafia dell’Asia orientale, hanno esercitato una forte influenza su di lui.

Durante un periodo di fermento politico e culturale nel Bengala, Roy intraprese una fase di incessanti esperimenti artistici tra il 1920 e il 1930. Inoltre, eliminò ogni traccia di naturalismo dalle sue opere e limitò la sua gamma cromatica, dipingendo opere quasi monocromatiche. Iniziò anche a utilizzare linee calligrafiche ritmiche per esprimere volume e ha scelto soggetti che spaziavano da figure di madre e figlio a palloni e donne sedute, tra gli altri.

Tuttavia, questa fase di austerità non durò a lungo. Roy cominciò ,infatti, a sperimentare nuovamente, tornando alle sue radici e scoprendo un ricco tesoro di motivi, simboli e narrazioni che facevano parte integrante della sua coscienza. Cambiò radicalmente anche il suo vocabolario artistico in termini di forma, linea e colore, optando per la semplicità e semplificando le sue forme all’essenziale.

Questo nuovo stile trovò un forte riscontro nel suo villaggio natale di Beliatore e stimolò l’immaginazione anche dell’élite intellettuale di Calcutta. In un’epoca di riflessioni sull’identità indiana moderna, Roy ha portato le tradizioni vive del Bengala al centro della scena come una valida forma di espressione culturale.

Nel 1929, Jamini Roy inaugurò la sua prima mostra personale presso la Government Art School. Seguirono mostre degne di nota, come quella del 1937 nello studio di Kshitish Chandra Roy in British Indian Street e la grande mostra personale del 1938 presso l’Indian Society of Oriental Art a Samabay Mansions, nel cuore di Calcutta. Questi eventi contribuirono a consolidare la fama di Roy e a rafforzare le sue interazioni con gli intellettuali di Calcutta.

Oltre a essere un pittore audace e sperimentale, Jamini Roy amava esplorare diversi mezzi e materiali artistici. Si dedicò anche alle arti decorative, dipingendo su stuoie di foglie di palma e progettando cristalli per Steuben Glass, incidendo scene pastorali idilliache sulla superficie del vetro.

La domanda per i dipinti di Roy continuò a crescere nel corso dei decenni, seguita da riconoscimenti e onorificenze. Nel 1955, il governo indiano gli conferì il Padma Bhushan, e l’anno successivo fu scelto come membro della Lalit Kala Akademi. Nel 1961, ricevette una cerimonia speciale in onore dei suoi successi come artista. Negli anni ’60 la sua salute peggiorò, rallentando la sua sperimentazione artistica, ma durante questo periodo evolse i suoi dipinti a mosaico, ispirati ai volti allungati e alle figurazioni accenni alle icone bizantine pre-rinascimentali, rendendo la trama parte essenziale del suo linguaggio visivo.

Jamini Roy morì nel 1972. Quattro anni dopo, nel 1976, il governo indiano dichiarò il suo lavoro, insieme a quello di altri sette artisti, tesoro nazionale.

Il vasto repertorio artistico di Jamini Roy lo ha portato ad essere paragonato a una “macchina d’arte“, data la sua incredibile capacità di produrre circa ventimila dipinti nel corso della sua vita. Ma quali sono le più importanti?

Opere di Jamini Roy
Opere di Jamini Roy | Immagine di dominio pubblico – Artepassante

Gopini

Gopini è uno dei rinomati capolavori creati da Jamini Roy. Questo dipinto ritrae una Gopini di Vrindavana in una posizione elegante durante una danza.

Mahatma Gandhi

Verso la fine degli anni ’30, Jamini Roy aveva consolidato la sua reputazione e molte celebrità cominciarono a frequentare la sua casa. Tra queste figure illustri c’era il Mahatma Gandhi, una presenza significativa nel lavoro dell’artista e protagonista di una delle sue opere.

Due gatti con un gambero

La rappresentazione del conflitto tra predatore e preda attraverso il dipinto dei due gatti con un gambero è davvero suggestiva. Roy utilizza abilmente elementi visivi per trasmettere emozioni e concetti complessi, come gli occhi severi e la solidarietà tra gli animali. La sua capacità di catturare l’attenzione dello spettatore è notevole.

Rāmāyana

Jamini Roy ha creato una delle sue opere più significative, chiamata “Rāmāyaṇa”, che si distingue per la sua profonda connessione con l’epopea hindu scritta dal Saggio Vālmīki. Utilizzando colori naturali e vegetali anziché coloranti artificiali, Roy ha reso omaggio agli eventi celebri dell’epopea, donando a ogni tela un’aura unica. Nella raffigurazione del “Rāmāyaṇa”, Roy adotta i motivi distintivi della Bengal School of Art, come fiori, frutti, foglie e animali, conferendo un tocco caratteristico e vibrante alla sua interpretazione dell’epica.

Impostazioni privacy