Naspi, arriva un’altra agevolazione: importo enorme, di cosa si tratta

Novità in arrivo per tutti i percettori della Naspi. Infatti per gli interessati ci sarà una nuova agevolazione: importo enorme, cosa cambia.

Sono tantissimi gli italiani che ricevono la Naspi, vale a dire quella indennità mensile di disoccupazione per tutti i lavoratori che hanno perso il lavoro involontariamente. Questo beneficio, è entrato in vigore a partire dal 1° maggio 2015, e sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione, che erano conosciute come ASpI e MiniASpI.

Naspi altra agevolazione: ecco di cosa si tratta
Con la nuova agevolazione l’importo della Naspi è enorme – (Foto: Editorially Srl)- (Artepassante.it)

La grande novità però riguarda proprio la Naspi, questo perché è in arrivo un maxi assegno NASPI in grado di coprire tutte le mensilità. Bisogna fare molta attenzione, visto che non tutti possono accedere a questa nuova agevolazione. Adesso infatti è possibile comprendere quali sono i requisiti per accedere all’importo maxi erogato dal sussidio di disoccupazione.

Naspi, arriva il maxi assegno: come funziona la nuova agevolazione

L’INPS ha introdotto una nuova misura che potrebbe interessare molti lavoratori disoccupati: il maxi assegno NASPI, che consente di ricevere l’intera somma spettante in un’unica soluzione, anziché in mensilità separate. Come anticipato, non tutti possono accedere a questa opzione e sono necessari determinati requisiti per beneficiarne pienamente. Il maxi assegno NASPI anticipato è pensato per coloro che desiderano ottenere l’intero importo dell’indennità di disoccupazione in un’unica soluzione, anziché riceverlo in rate mensili.

Naspi, altra agevolazione: importo enorme
Come cambia la Naspi con la nuova agevolazione – (Credits: Ansa Foto)- (Artepassante.it)

Ci sono alcuni requisiti da soddisfare per poter accedere a questa opzione. Uno dei requisiti principali è l’apertura di una partita IVA. Questo può essere necessario se si intende avviare un’attività autonoma o un’impresa individuale.

Tuttavia è importante notare che in alcuni casi potrebbe essere richiesta la restituzione dell’intero importo della NASPI anticipata. Altri possibili requisiti includono già di avere una partita IVA aperta e di voler continuare un’attività, iniziata durante un precedente rapporto di lavoro dipendente, oppure di sottoscrivere una quota di capitale sociale di una cooperativa.

La domanda per ottenere il maxi assegno NASPI anticipato deve essere presentata all’INPS entro 30 giorni dall’apertura della partita IVA, dall’avvio dell’attività autonoma o dalla sottoscrizione della quota di capitale della cooperativa.

Se l’attività autonoma è iniziata durante un rapporto di lavoro dipendente, la richiesta di anticipo deve essere inviata entro 30 giorni dalla domanda di indennità di disoccupazione. Per calcolare l’importo del maxi assegno NASPI anticipato, è necessario sommare il valore dell’indennità di disoccupazione mancante fino alla scadenza prevista.

La domanda di anticipazione della NASPI può essere presentata attraverso il sito web dell’INPS o tramite un patronato o un altro intermediario autorizzato. È importante tenere presente che il rimborso della NASPI anticipata potrebbe essere richiesto, se il beneficiario trova un’occupazione, durante il periodo di erogazione dell’indennità di disoccupazione.

Impostazioni privacy