Tanto lontano ma così vicino: viaggiare per scoprirsi uguali e diversi

Mostra dei ragazzi e delle ragazze migranti dei laboratori fotografici e di arte terapia di CivicoZero
A cura di Sara Sayed e Majdi Karbaj
9-14 dicembre 2019; Inaugurazione lunedì 9 dicembre ore 18.30
Spazio ArTéGalleria - Stazione Vittoria del Passante Ferroviario

Siamo lieti di presentarvi la mostra artistica e fotografica di CivicoZero: Tanto lontano ma così vicino: viaggiare per scoprirsi uguali e diversi.
​Vi aspettiamo per l’inaugurazione della mostra lunedì 9 dicembre, alle ore 18.30, presso gli spazi dell’associazione Arte Passante, nella Galleria ArTé del passante ferroviario della Stazione di Porta Vittoria. L’esposizione sarà visitabile fino a sabato 14 dicembre, con gli orari indicati sul volantino. Venite a scoprire il nostro sguardo…
 
CivicoZero Milano è un progetto che nasce nel 2014, sotto il Dipartimento Protezione Minori di Save The Children, come centro diurno a bassa soglia per minori e neo maggiorenni stranieri presenti nel territorio milanese. In questi anni il centro è stato infatti frequentato da ragazzi, che hanno un’età compresa tra i 12 e i 20 anni, e che hanno potuto usufruire dei diversi servizi offerti. L’obiettivo è quello di garantire supporto, protezione ed integrazione ai ragazzi/e nei loro percorsi verso sempre una maggiore autonomia linguistica, sociale e professionale.  

​In questa direzione si sono sviluppati sia il laboratorio di fotografia partecipativa, che i percorsi laboratoriali di arte terapia. Attraverso la sperimentazione di diversi strumenti espressivi, i ragazzi/e hanno avuto la possibilità di riflettere sulla loro esperienza personale, sulla realtà che li circonda e su ciò che reputano positivo e costruttivo per il loro futuro. I laboratori sono stati così momenti preziosi di apprendimento e confronto, nei quali i ragazzi/e hanno avuto la possibilità di produrre del materiale artistico, che possa testimoniare il loro costante percorso di crescita personale.

 
Negli ultimi mesi abbiamo lavorato nello specifico sulle tematiche del viaggio urbano, delle relazioni e dei legami. All’interno del laboratorio di fotografia partecipativa, i ragazzi/e hanno aderito al progetto foto contest: un concorso fotografico trasversale ai progetti CivicoZero delle città di Milano, Torino, Roma e Catania. “La mia città” è stato il tema scelto direttamente dai ragazzi/e per la realizzazione del progetto fotografico, dopo un primo momento di scambio e sintesi degli spunti raccolti dai gruppi delle diverse città. Attraverso la fotografia i ragazzi/e hanno espresso le contraddizioni, insite nella costruzione di un’identità e di un futuro in una città diversa e lontana da casa, esprimendo liberamente il loro vissuto, i propri desideri e aspirazioni, ma anche le difficoltà e le frustrazioni a cui vanno incontro ogni giorno.
 
Il laboratorio di arte terapia si è focalizzato parallelamente sulla narrativa del viaggio e dei legami. Il primo è stato approfondito attraverso un laboratorio condotto nella scuola primaria di Milano Nolli Arquati  
Per mezzo dell’arte, del racconto e del confronto critico, i bambini/e hanno provato ad immedesimarsi nell’altro, sviluppando una conoscenza di base rispetto ai minori migranti che attraversano le acque del Mediterraneo, per raggiungere l’Europa. Al di là delle controversie e critiche che spesso popolano il tema dei migranti, l’obiettivo è stato quello di lavorare su un aspetto più empatico e umano, ricordandoci che i numeri spesso citati sono prima di tutto persone. Il tema dei legami è stato invece affrontato direttamente con i ragazzi/e che frequentano CivicoZero. I legami si sentono quando siamo vicini o lontani, quando viaggiamo o siamo in transito, quando cambiamo casa, città e paese. Attraverso l’espressività artistica, i ragazzi/e hanno potuto riflettere sui legami passati e presenti, su ciò che arricchisce la loro rete di relazioni quotidiane e su ciò che può anche influenzare ciò che saranno domani.
Il lavoro dell’equipe di CivicoZero è costantemente orientato alla prevenzione o alla riduzione del danno, ingaggiando i minori a riconoscere i loro diritti e a inserirsi in circuiti protetti e tutelati.
Chiudi il menu

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.
Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.
Per maggiori informazioni in merito alle modalità di trattamento e alle opzioni di opt-out, si rimanda alla nostra Privacy Notice.

Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.