Il progetto, che negli anni è stato in grado di aumentare progressivamente la propria capacità di autofinanziamento, si sta allargando a macchia d’olio, conquistando gli obiettivi per cui è nato.
Tra questi:

  • raggiungere e coinvolgere un pubblico numeroso
  • intervenire su alcuni spazi cittadini contribuendo alla loro riqualificazione e istituzionalizzando questi spazi come nuovi luoghi dove fruire cultura,
  • assicurare comprensione e riconoscimento dell’arte e della cultura come strumenti d’interdizione del degrado, della malavita, dell’emarginazione. 

Artepassante, progetto creato dalla Capofila Le Belle Arti APS, grazie anche alla collaborazione con RFI, è la dimostrazione concreta che la conoscenza e la cultura diffuse possono davvero cambiare la coscienza delle persone.

Il progetto ha il Patrocinio del Comune di Milano. Le Belle Arti APS è, inoltre, riconosciuta come Soggetto di rilevanza regionale nel settore della promozione educativa culturale.

Dalla sua nascita nel 2013, il progetto ha previsto ogni anno la realizzazione di circa 300 workshop, più di un migliaio di ore di incontri, centinaia di eventi ed esposizioni, la produzione e la distribuzione di strumenti informativi, divulgativi, didattici, la realizzazione di una rete informativa, l’utilizzo di particolari spazi che sono stati individuati nelle stazioni del Passante Ferroviario di Milano. 
 In queste ultime il progetto ha trovato una collocazione stabile, grazie agli accordi formalizzati con RFI – Rete Ferroviaria Italiana: negli anni, infatti, Artepassante ha permesso di riqualificare alcuni spazi espositivi in disuso, delle stazioni di Repubblica, Porta Vittoria, Dateo, Porta Venezia, Garibaldi, Lancetti, Villapizzone.

Oggi, in questi luoghi, diverse realtà artigianali, artistiche, culturali e sociali, realizzano eventi, esposizioni, corsi e quotidianamente creano le proprie opere, sotto lo sguardo stupito degli utenti del Passante Ferroviario, di abitanti della città e turisti.

Inoltre le attività del progetto stanno sempre più interagendo con i territori circostanti creando preziose sinergie con altre realtà culturali, artistiche e con comitati di cittadini che operano per la riqualificazione del loro territorio.

Questa interazione si è concretizzata e si sta affermando anche con importanti interventi artistici di riqualificazione di spazi e strutture del territorio, in particolare con la realizzazione di opere di Street Art di dimensioni significative.

Nella sua evoluzione Artepassante estende alla Città Metropolitana il proprio modello di sviluppo culturale e di riqualificazione degli spazi urbani. Artepassante realizza esposizioni, attività formative ed eventi teatrali e musicali, in collaborazione con importanti realtà culturali come la Fondazione per Leggere (sistema bibliotecario dei 55 comuni del sud ovest Milano) e diversi Comuni del territorio metropolitano.

CONTRIBUTI DI PARTECIPAZIONE
Alcune iniziative proposte da Artepassante prevedono un contributo di partecipazione che viene richiesto per corsi, master, workshop, tenuti da artisti affermati e professionisti riconosciuti nel proprio ambito.

Alla prima partecipazione, è prevista l’iscrizione annuale a Le Belle Arti APS, capofila del Progetto Artepassante. La quota associativa, che ammonta a 20 euro, comprende l’assicurazione Rct per i partecipanti alle iniziative e permette, inoltre, di usufruire di tutte le convenzioni e le promozioni che Le Belle Arti APS ha stipulato con i maggiori circuiti culturali della città di Milano. 

Raggiungere e coinvolgere un pubblico sempre più numeroso;
Istituzionalizzare gli spazi di Artepassante come nuovi luoghi di cultura;
Intervenire in alcune aree cittadine contribuendo alla loro riqualificazione, affinché  sul territorio aumentino la comprensione e il riconoscimento dell’importanza che l’arte e la  cultura possono avere come strumento contro il degrado, la malavita, l’emarginazione ecc. 

La conoscenza e la cultura diffuse possono davvero cambiare la coscienza delle persone.     

LA RETE

TEATRO

VISUAL ART

DIDATTICA

MUSICA E CANTO

DANZA

E POI...