Levante. Gli ebrei d’Europa

 

Concerto a cura di Rete Culturale Canto Sospeso in memoria di Vladimir Herzog
Rassegna “Contemporanea-Mente”, II edizione, Venti d’Europa
Domenica 27 gennaio 2019, ore 18.00
Palazzina Liberty ,Largo Marinai d’Italia, Milano

Foto

Domenica 27 gennaio 2019 alle ore 18.00 presso la Palazzina Liberty di Milano, in occasione della Rassegna “Contemporanea-Mente” II edizione,  avrà luogo“LEVANTE. GLI EBREI D’EUROPA”
In memoria di Vladimir Herzog

​Concerto di musica corale contemporanea dedicato agli ebrei, popolo trasversale d’Europa, nella ricorrenza della Giornata della Memoria.

​Omaggio a Vladimir Herzog
Giornalista e drammaturgo brasiliano nato a Osijek, nell’odierna Croazia. Di famiglia ebraica si trasferì in Brasile a seguito delle persecuzioni razziali. Fu torturato e ucciso, durante la dittatura militare, il 25 ottobre 1975 dalla polizia segreta brasiliana. Essendo un giornalista molto conosciuto e rispettato, la sua morte ebbe un grande impatto nell’opinione pubblica e diede inizio alla caduta della dittatura e alla ripresa della democrazia. Vladimir Herzog rappresenta ancora oggi il ritorno della democrazia e della libertà d’espressione, e in Brasile è stata creata una fondazione per ricordare il suo lavoro e i suoi valori. Vladimir diceva che “Quando perdiamo la capacità di indignarci per le atrocità perpetrate sugli altri, perdiamo anche la capacità di essere considerati essere umani civilizzati”. La vedova Clarice Herzog dice che è buono che si parli con la musica di quello che è successo , visto che l’uccisione del 1975 è stata segnata a lungo da un profondo silenzio.  Al concerto sarà presente il figlio Ivo.


Musiche di Castelnuovo Tedesco 
 
Il Romancero Gitano op. 152 è un’opera che Castelnuovo Tedesco compose nel 1951, per coro misto e chitarra sola, tratta dalla raccolta “Poema del Cante Jondo” di Federico Garcia Lorca (1921/1925). Un punto toccante dell’opera è il brano “Memento” basato su una breve poesia di Lorca che Castelnuovo-Tedesco considerava come il proprio epitaffio, per l’amore che nutriva nei confronti della chitarra e della Spagna.
Un’affascinante pagina musicale accompagnata alla chitarra da Emanuele Segre.
Testi di Federico Garcia Lorca letti dall’attrice Elisabetta Vergani
 
Il fiorentino Mario Castelnuovo Tedesco, discendeva da una famiglia ebrea spagnola di banchieri costretta ad abbandonare la Spagna nel 1492, E’ stato uno dei più grandi musicisti italiani del Novecento, a sua volta costretto dalle leggi razziali e dalla conseguente persecuzione razziale a lasciare l’Italia nel 1939. Compositore, musicò oltre a Lorca autori come Cavalcanti, Petrarca, Vogelweide, Cervantes, Shakespeare, Whitman. Oggi è ricordato anche per la sua produzione per chitarra, strumento a cui si dedicò per tutta la vita, e a cui regalò alcune delle sue pagine più belle e autobiografiche
 
Saranno eseguiti anche  brani di Vinicius de Moraes Chico Buarque de Hollanda e Caetano Veloso , anche loro esuli, come Castelnuovo Tedesco lo è stato  sotto il fascismo,  durante la dittatura militare  in Brasile. 

Romancero Gitano op.152 
di Mario Castelnuovo Tedesco, 
Chico Buarque de Hollanda, Caetano Veloso e Vinicius de Moraes.
Coro Cantosospeso
Coro Didone
Ensemble Prometeo
Martinho Lutero Galati de Oliveira, direzione artistica
A cura di Rete Culturale Cantosospeso
Ingresso: € 20 (ridotto ragazzi)
FB cantosospeso choir, Milan, Italy

www.cantosospeso.it
info@cantosospeso.it
 +39 340 8766729